giovedì 10 marzo 2011

De Magistris sindaco di Napoli: la FdS lo appoggia


Nel fine settimana appena terminato Luigi De Magistris ha iniziato la sua corsa, da candidato sindaco verso il Comune di Napoli. "Ho deciso di candidarmi dopo che le primarie del Pd hanno buttato il centrosinistra in un pantano. Indipendentemente da chi ci accompagna, vincerò".

E se De Magistris, prima dell'apertura della sua prima manifestazione pubblica da candidato, si diceva fiducioso di una convergenza del Pd e del centrosinistra, nel pomeriggio è arrivata la posizione del partito di Bersani con un'accusa: l'Idv straccia accordi. E così se il Pdl sembra ormai aver deciso su Gianni Lettieri, non c'é pace, invece, nel centrosinistra napoletano. E De Magistris, in fondo, lo sa bene. E' per questo che ribadisce il suo appello all'unità. "Caro Nichi, mettici la faccia anche tu, non capisco perché non sei qui. Queste battaglie si fanno insieme", dice a Vendola. "Si vuole la conservazione o il cambiamento? Io potrei essere un'occasione per il Pd che mi sembra diviso", dice al Pd.

E di appelli ne ha fatti lo stesso leader dell'Idv, Antonio Di Pietro. "E' normale che i partiti politici considerino anche i loro specifici interessi. Sono però convinto, e credo che lo siano anche Bersani e Vendola, che la differenza tra una politica alta e una politica meschina stia proprio nel mettere al primo posto gli interessi comuni e quelli collettivi". E soprattutto: "Sappiamo tutti chi comanda davvero nel Pdl di quella regione: vogliamo lasciare Napoli nelle mani di Nicola Cosentino?". Lo stesso Cosentino che è stato tirato in ballo anche in quanto 'sponsor' del candidato Lettieri: "Vuol dire che da una parte ci sarà la battaglia per la legalità, dall'altra i soliti sistemi", dice De Magistris.

La Federazione della Sinistra appoggia la candidatura di De Magistris

Nessun commento:

Posta un commento